Oli per la preparazione di cibi sani

Questa è la temperatura alla quale l’olio non è più sicuro e comincia anche a danneggiarsi. Questo articolo esamina 5 oli da cucina molto più sani che sopportano la preparazione di cibi molto caldi, e discute anche un paio di oli da cui bisogna stare alla larga completamente per la preparazione dei cibi. Un sacco di gente usa gli oli da cucina costantemente, perché si possono usare per preparare tutti i tipi di piatti, tra cui carne, uova, verdure, salse, così come alcuni pasti di grano. I grassi idrogenati possono essere un olio molto più salutare da usare quando si cucina a caldo o si frigge, perché sono più stabili a caldo. Questo implica che hanno meno probabilità di danneggiarsi e di fumare.

Oli per la preparazione di cibi sani

Tra le sue caratteristiche ci sono l’aiuto alla crescita delle cellule, la protezione degli organi e il contributo all’assorbimento dei nutrienti, secondo l’American Heart Association. “Il nostro corpo ha bisogno di grassi per assorbire alcuni nutrienti liposolubili come le vitamine A, D, E, e anche K, insieme al beta-carotene”, dice Christine Palumbo, RDN, che ha sede a Chicago. Questo olio ha un basso punto di fumo, quindi non è buono per cucinare, ma può essere utilizzato in molti altri modi. Howard spruzza l’olio su frittelle, frutta appena tagliata e gelato.

Oli da limitare o evitare

L’olio di canola deriva dalla colza, una pianta da fiore, e comprende una buona quantità di grassi monoinsaturi e anche una quantità adeguata di grassi polinsaturi. Di tutti gli oli vegetali, l’olio di canola tende spesso ad avere la minor quantità di grassi saturi. Ha un alto punto di fumo, il che significa che può essere pratico per la cottura ad alta temperatura. Detto questo, negli Stati Uniti l’olio di canola tende ad essere estremamente lavorato, il che indica meno sostanze nutritive in generale. L’olio di canola “spremuto a freddo” o non raffinato viene offerto, ma può essere difficile da trovare. La principale risorsa di malsani grassi trans nella dieta di una persona è l’olio parzialmente idrogenato, che si trova nei cibi raffinati, secondo l’AHA.

Mentre la preparazione del cibo può indebolire alcuni dei polifenoli, ne rimane abbastanza per dare i loro benefici di benessere. Molte persone sono preoccupate per quanto riguarda i risultati di salute e benessere dell’olio di canola e le tecniche di produzione. Non tutti gli oli sono sufficientemente sicuri o previsti per l’uso nella preparazione degli alimenti, in particolare nel lavoro di preparazione a caldo. Altri fanno molto meglio nel lavoro di preparazione freddo o fatto uso di come integratori alimentari, per esempio. L’olio d’oliva è stato a lungo il requisito d’oro per gli oli da cucina nelle cucine di tutto il mondo.

L’olio di noce ha un buon rapporto di grassi omega-6 e omega-3, che aiuta a mantenere il gonfiore sotto controllo. Se ti stai chiedendo quale sia il miglior olio da cucina per il tuo benessere – così come quali oli non sono sani ed equilibrati – c’è un po’ di disaccordo. ome chef hanno un sacco di opzioni quando si tratta di scegliere quale tipo di olio per saltare, cuocere e anche con il drizzle. Alcuni, come l’olio d’oliva, sono popolari, così come altri, come l’avocado o l’olio di cocco, sono meno conosciuti. La gente comunemente pensa che i cibi fritti siano dannosi, tuttavia dipende in parte dal tipo di olio usato.

L’olio di canola ha solo il 7% di grassi idrogenati e, come l’olio d’oliva, è ricco di grassi monoinsaturi. Ha anche alti gradi di grassi polinsaturi, secondo Berkeley. Eppure, gli oli vegetali sono migliorati e lavorati, il che suggerisce che non solo non hanno sapore, ma anche nutrienti, sostiene Howard. Si chiama ‘vegetale’ in modo che i produttori possano sostituire qualsiasi olio prodotto che desiderano – soia, mais, semi di cotone, colza – senza bisogno di stampare una nuova etichetta”, sostiene. Una cosa da tenere a mente, tuttavia, è che negli Stati Uniti, spesso l’olio d’oliva che è classificato “extra vergine” non è quello che dichiara di essere.

Strategia di controllo del peso, spese, alimenti e anche molto di più

Ha un sottile sapore acuto o verde, e si può anche utilizzare per cuocere al forno, saltare, o condimenti freddi. Alcuni oli migliorati vengono estratti utilizzando solventi chimici, mentre altri oli vengono rimossi premendo piante o semi. Numerosi clienti attenti alla salute evitano gli oli rimossi chimicamente e amano quelli ottenuti per spinta, come l’olio d’oliva spinto a freddo. L’olio di semi di lino è costituito da acidi grassi omega-6, che sono anche essenziali per il vostro benessere, perMount Sinai.

Su telemeditalia.it troverete molti prodotti per la salute e non solo.

L’olio di cocco ha un punto di fumo strumento di circa 350 ° F (176 ° C). L’olio di avocado può anche essere utile per diminuire l’infiammazione dolorosa delle articolazioni, migliorare l’assorbimento di altri nutrienti e salvaguardare le cellule contro i danni dei radicali liberi. Tuttavia, la salubrità di un olio quando esce dallo scaffale della drogheria è solo una parte della storia. “Il grasso aggiunge anche la sazietà, o un senso di volume, dopo un pasto”, sostiene Palumbo.

Olio di noce

Questi grassi trans fabbricati sono prodotti tramite una procedura industriale che include idrogeno agli oli vegetali fluidi per renderli molto più solidi. D’altra parte, alcuni oli sono migliori da usare per il lavoro di preparazione a freddo o come integratori alimentari, o non sono suggeriti per la cottura ad alto calore. Alcuni esempi sono l’olio di pesce, l’olio di lino, l’olio di mano e l’olio di noce. Alcuni degli oli da cucina più sani che possono resistere a temperature di cottura più elevate sono l’olio d’oliva, l’olio di avocado, l’olio di cocco, l’olio di sesamo e l’olio di cartamo. L’olio di canola ha un fattore di fumo maggiore dell’olio d’oliva e un sapore neutro, quindi è molto meglio per la preparazione di cibi più caldi, come tostare e friggere, dice Levinson. Dal momento che non ha tanto gusto come alcuni altri oli vegetali e di semi, Warren lo sconsiglia per condimenti di insalata e vari altri piatti in cui si desidera che l’olio includa qualche sapore.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *